venerdì 21 dicembre 2007

Credo di conoscere chi mi puo' aiutare

Ricunuscenza

Stanotte 'a dint' 'o lietto cu' 'nu strillo
aggio miso arrevuoto tutt' 'a casa,
mme so' mmiso a zumpà comme a n'arillo...
E nun mme faccio ancora persuaso.

Ma comme,dico io po',cu' tanta suonne
i' mme so' ghiuto a ffa' 'o cchiù malamente;
sti suonne songo suonne ca te ponno
fa' rummannè stecchito comme a niente.

I' stevo allerta 'ncoppa a 'na muntagna.
Tutt'a 'nu tratto sento 'nu lamiento...
'O pizzo addò stev'i' era sulagno...
Dicette ncapo a me:E' chisto è 'o viento!

Piglio e mme mengo pe' 'nu canalone
e veco sott'a albero piangente
'nu fuosso chino 'e prete a cuppolone...
e sotto a tutto steva 'nu serpente.

-Aiuto! Aiuto- 'O povero animale
se mettette alluccà cu tutt' 'o ciato!
Appena me vedette:-Menu male!...
Salvatemi! I' mo moro asfessiato!-

-E chi t'ha cumbinato 'e sta manera?-
ll'addimannaje mentr' 'o libberavo.
-E' stato 'nu signore aieressera-
mme rispunnette,e ggià se repigliava.

-Si nun era pe' vvuje i' ccà murevo.
Faciteve abbraccià,mio salvatore!-
Mme s'arravoglia attuorno e s'astrigneva
ca n'atu ppoco mme schiattava 'o core.

Lassama!-lle dicette-'O vvi' ca i' moro?-
E chianu chiano mme mancava 'a forza,
'o core mme sbattava...ll'uocchie 'a fore,
mentre 'o serpente cchiù stringneva 'a morza!

-Chisto è 'o ringraziamento ca mme faje?
Chesta è 'a ricunuscenza ca tu puorte?
A chi t'ha fatto bbene chesto faje?
..Ca si' cuntento quanno 'o vide muorto!-

-Amico mio,serpente i' songo nato!...
...Chi nasce serpe è 'nfamo e senza core!...
...Perciò t'aggia mangià!Ma t'he scurdato
...ca ll'ommo,spisso,fa cchiù peggio ancora?!-


4 commenti:

cuncetta ha detto...

Ed io che ci sto a fare?!

(appena teng' 5 minut' 'e tiemp però..)

gians ha detto...

cuncetta, qui'bisogna darsi da fare pero'!! e che cacchio! :)))

cuncetta ha detto...

Ogni promessa è debito..

Riconoscenza
Stanotte nel letto con uno strillo
ho allarmato tutta la casa
mi sono messo a saltare come un grillo,
ed ancora non me ne convinco.

Ma come, mi dico poi, tra tanti sogni,
ho fatto proprio quello più brutto?!
Questi sogni sono sogni
che ti possono far restare stecchito come niente.
Io ero in piedi su di una montagna
quando all’improvviso sento un lamento
Il posto dove mi trovavo era solitario
e mi dissi: questo sarà il vento!

Decido di buttarmi giù per un canalone
e vedo sotto un salice
un fosso pieno di un cumulo di pietre
e sotto tutto si trovava un serpente.

Aiuto, Aiuto, si mise a gridare il povero animale
con tutto il fiato.
Appena mi vide: aiutatemi!
Salvatemi, altrimenti morirò asfissiato!

Chi ti ha ridotto in questo modo?
Gli domandai mentre lo liberavo,
E’ stato un signore ieri sera,
mi rispose, già riprendendosi.

Se non era per voi, sarei morto qui
Fatevi abbracciare, mio salvatore!
E mi si avvolge attorno e si stringeva a me
tanto che mi sentivo scoppiare il cuore.

Lasciami stare – gli dissi – lo vedi che muoio?
E piano piano mi sentivo mancare le forze,
ed il cuore mi sbatteva ed avevo gli occhi fuori,
mentre il serpente mi stringeva ancor di più in una morsa

Questo è il ringraziamento che mi fai?
Questa è la riconoscenza che mi porti?
A chi ti ha fatto del bene questo fai?
Sei contento quando lo vedi morto?


Amico mio, io sono nato serpente!
Chi nasce serpe è infame e senza cuore,
Per questo motivo devo mangiarti!
Ma hai dimenticato che l’uomo spesso
fa anche di peggio?

gians ha detto...

grazie cuncetta. Grazie a te ora questa poesia mi è piu' chiara. Un abbraccio forte, non da serpente. :))

p.s. immaginavo che tu fossi di parola.