giovedì 31 gennaio 2008

Blogger photo contest

5° Blogger Photo Contest

PASSATEMPI E GIOCHI
di sorellina.
(in attesa del banner di ugolino)

le immagini dovranno essere inviate in formato jpg, dim. massima 1280x800 e 500 KB nel numero massimo di 3 per partecipante al seguente indirizzo:
net.comunication@libero.it
entro le 24 del 1/03/08 L'email deve inoltre contenere:il titolo delle foto (max 20 car.)data e luogo di scatto eventuale didascalia (max 100 car.)marca e modello della fotocamera impiegata l'autore della foto (nome, cognome) con espressa dichiarazione che l'immagine è di proprietà del partecipante che ne autorizza la pubblicazione sul blog, e che la medesima non è coperta da altrui diritti d'autore;La giuria, sarà composta dall' intero mondo dei bloggers, che potrà visionare e votare per le foto dalle pagine del blog entro le 24 del 10/03/08 non verrano
sommati i singoli punteggi delle immagini presentate.

Conoscenze positive

Blog amici, Vulvia.


mercoledì 30 gennaio 2008

Anni 50'

Inizio a agitarmi, qualcuno che mi vuole
bene mi passi il farmaco.
Del resto inizio a avere una
certa eta'.


martedì 29 gennaio 2008

Voglio dire la mia al presidente

Al 16° piano ci aspetta il presidente Napolitano
per consultarci, meglio fare presto.
Dimenticavo prima di parlarci, ascoltate questo brano;
serve per schiarirsi le idee.



Obiettivo del gioco? Raggiungere il sedicesimo piano, e convincere Napolitano a prendere a calci chiunque si presenti dopo di te.






domenica 27 gennaio 2008

Ci sono giorni e giorni

Avviare il player




Se i giorni della memoria sono
stati creati e solo per non pensarci
negli altri.
Gians

venerdì 25 gennaio 2008

S.E.R.T.

Avviare il player


In attesa del ritorno di Poldone, ho pensato
di compensare la vostra astinenza. Quanto scritto sotto non è di mia mano, ma vi lascio il dubbio.

Nessuno spende i soldi degli altri con la stessa cura con la quale spende i propri. Nessuno usa le risorse degli altri con la stessa cura con la quale usa le proprie.

Non esiste una cosa come un pranzo gratis.

Sono a favore del taglio delle tasse in ogni circostanza e per qualsiasi motivo, ogni volta che è possibile. E' l'unico modo per diminuire le spese.

Con poche lodevoli eccezioni, gli imprenditori sono a favore del libero mercato in generale ma sono contrari quando li riguarda.

Le associazioni di imprenditori hanno agito per scardinare le fondamenta del libero mercato che in teoria dovrebbero difendere e rappresentare.

Come puoi spendere i soldi? Posso spendere i soldi di qualcun altro a favore di altri e in questo caso non mi importa quanti siano né mi interessa cosa ottiene chi riceve. Questo è ciò che fa il Governo ed è circa il 40% per PIL.

I sindacati possono essere positivi per i loro iscritti, ma non sono utili per i disoccupati.

I governi non imparano mai. Solo le persone imparano.

Uno dei più grandi errori è di giudicare le politiche e i programmi per le loro intenzioni piuttosto che per i risultati.

La soluzione di un problema da parte del Governo è spesso negativa come il problema stesso.

Abbiamo un sistema che aumenta costantemente le tasse di chi lavora per sussidiare chi non lavora.

Se paghi le persone per non lavorare e invece le tassi quando lavorano, non sorprenderti se c'è la disoccupazione.

Ovunque e in ogni tempo il progresso economico ha significato molto più per i poveri che per i ricchi.

giovedì 24 gennaio 2008

Post qualunquista

Avviare il player


"ci risiamo" Gians, hai dimenticato una "S"! starebbe a dire ci "rissiamo" nel senso che la politica, da ormai troppo tempo non riesce a essere espressione del cittadino. Ora la "politica", quella che dovrebbe governare e decidere delle sorti di una nazione non fa' altro che rimandare il pacco regalo alla gente con un biglietto che dice pressapoco cosi': "scusateci ma siamo incapaci, prendetevi a parolacce tra voi, fate manifestazioni e possibilmente manganellatevi nella prossima campagna elettorale; tanto, sempre qualcuno di noi siete costretti a scegliere"

"Da un commento su un post di nicpic"


mercoledì 23 gennaio 2008

non sparate sul pianista

Avviare il player

Corro grossi rischi in questi saloons.
Ovunque vado trovo gringos ben armati; fortunatamente
"solo" di argomenti.


lunedì 21 gennaio 2008

Corvi


un mio commento ,illusoriamente scritto sul blog mastellone

Gentile Senatore,

lei ha avuto davvero tante illusioni; compresa quella d'essere un buon Ministro. Ora la Magistratura ha il diritto e il dovere di indagare la sua persona, ritengo davvero deplorevoli le sue accuse nei confronti dell'istituzione di cui lei era il guardasigilli, ritengo altrettanto sconcio, il comportamento dei suoi colleghi in parlamento alla conclusione del suo discorso di dimissioni; non ho mai visto nessuno applaudito in questo modo, soprattutto dopo essere stato contestato per: concorso esterno in associazione per delinquere, due episodi di concorso in concussione e uno di tentata concussione, un concorso in abuso d'ufficio e due concorsi in falso. Senatore, sono sicuro che a lei andra' tutto per il verso giusto, sara' scagionato da tutte le accuse e sa' perche'? i corvi tra di loro non si beccano gli occhi.

sabato 19 gennaio 2008

Emisferi



Piccolo test; a dire il vero ha gia' qualche anno alle sue spalle. Si tratta di osservare una ballerina che gira su se stessa, e dire se sta ruotando in senso orario o antiorario. A quanto pare, chi la vede ruotare in senso orario dovrebbe avere una dominanza del cervello destro quindi (laterale-creativa) chi dovesse vederla girare in senso antiorario ha una dominanza sinistra (logico-razionale) se qualcuno dovesse vederla ruotare in entrambe i sensi, è meglio che si faccia visitare.

Buon weekend
e benvenuti tra i blog amici a nic e emma

giovedì 17 gennaio 2008

mercoledì 16 gennaio 2008

Cleptomania

Il Guardasigilli
mentre da' le dimissioni.



lunedì 14 gennaio 2008

A mente libera

Giochiamo?

domenica 13 gennaio 2008

sabato 12 gennaio 2008

Giansbox

Buon weekend
da Gians





venerdì 11 gennaio 2008

Insisto

Sono un altoparlante.

Tiro mancino: Angoli di cielo


L'altoparlante, funziona per mezzo di una bobina immersa in un campo magnetico, converte segnali in forza elettromagnetica in grado di far muovere un corpo in modo da fargli generare onde sonore, e qualche volta pensieri.


giovedì 10 gennaio 2008

mercoledì 9 gennaio 2008

Trash refusals

Avviare il player


A qualcuno piaceva poco..
A lui piace assai.

lunedì 7 gennaio 2008

Near-Infrared Multi-Object Spectrometer

Avviare il player




Da fonti assolutamente attendibili, oggi il
buon Joseph avrebbe incontrato in un colloquio
privato un suo stretto collaboratore per approfondire
la questione HR 4796A.
  • Joseph: corpo di mille telefunken cosa succede in quel posten.
  • Angelo: tranquillo Joseph, è tutto sotto controllo, le nostre universita', insegnano ben altro.
  • Joseph: tranquillo un beneamato grundig quelli ci sputtananen.
  • Angelo: ma Joseph, sono appena passati 220 anni luce, abbiamo tutto il tempo di creare una legge anche migliore della 194 pure li'.
  • Joseph: Angelen, per mille volkswagen hai ragione.



domenica 6 gennaio 2008

Un po' di musica

Buon ascolto








sabato 5 gennaio 2008

si può vivere senza musica?



Non si può vivere senza musica

Per le vacanze di Natale mi è stato assegnato un compito ,quello di formulare una tesi sull’ argomento:Non si può vivere senza musica e così ho deciso di pubblicare il mio tema come post per condividere con voi questo argomento e conoscere le vostre opinioni in proposito.

Un bacio Chichi93

Molti sostengono che per vivere non siano necessarie tutte le comodità e i piaceri che usiamo abitualmente concederci, alcuni le definirebbero addirittura frivolezze,elementi superflui nella nostra vita, dei quali non abbiamo alcun bisogno. La musica non fa parte di questo insieme di elementi. Certo , se analizziamo la frase che intitola il testo che mi accingo a scrivere, vale a dire la tesi che sto sviluppando, immaginando che essa sia una domanda e facendo emergere il suo significato più letterale, risponderemmo:”Certo che si”, ma se è per questo ci basterebbero sul serio pochi ingredienti per realizzare la grande ricetta della vita, ma sfortunatamente essi ci aiuterebbero solo a sopravvivere, non certo a vivere davvero. La musica è un concetto che non possiamo definire con precisione: è uno strumento di comunicazione per esternare i propri pensieri, le proprie ideologie, i propri sentimenti e i propri stati d’animo, è un passatempo per le persone di ogni età, è uno stile di vita per chi non può fare a meno di essa…..Basti pensare a uno dei generi musicali maggiormente conosciuti come il jazz, nato agli inizi del XX secolo,come musica d’ intrattenimento, di distrazione da tutte le fatiche quotidiane e le pretese degli spregiudicati padroni nei confronti della popolazione di colore, che per fuggire dalla triste realtà che la affliggeva in quegli anni si rifugiava nell’ improvvisazione di musiche allegre e ironiche, le quali strappavano un sorriso fra le lacrime di un volto consunto e sciupato dal lavoro a regime schiavistico di un vecchio, di un bambino oppure di una fanciulla sfiorita per gli sforzi. In tal modo riscopriamo un’altra funzione della musica, l’ evasione dalla realtà quotidiana, spesso ostile e anche la capacità di risollevare chiunque dalla propria tristezza ,anche nelle situazioni più tragiche .Insomma a chi non è capitato, sentendo la propria canzone preferita all’improvviso di sentirsi rinvigorito e con uno strano ritmo nel sangue. Spesso capita che neanche le persone che ti stanno più vicine ti facciano sentire quello strano calore che una canzone ti sa dare. Concludo questo mio discorso con una frase che ho letto in un libro del quale non ricordo il titolo:Il nostro cammino può essere illuminato anche negli attimi più tenebrosi…se qualcuno si ricorda di accendere la luce! , e le luci possono essere tante, alcune sono grandi, altre invece sono piccoli lumi di consolazione e di speranza, che, anche se ridotta, è necessaria per ritrovare la speranza in determinate situazioni, quindi la risposta è no , no non si può vivere senza musica.


V.A. DESSI' 2 " G SELARGIUS

l'attimo fuggente


..invece faccio un'eccezione e scrivo anche nell'anno bisestile penso che gli auguri in genere non servano a nulla,sono spesso di circostanza e quasi sempre scontati! hanno il sapore della banalità delle solite feste pagane e non. Preferisco gli auguri datti in circostanze più significative della vita, quando realmente si sente l'esigenza di sentirselo dire,ed è proprio li che a molti sfugge l'attimo...comunque BUON ANNO A TUTTI...si dice cosi'... NO ?

venerdì 4 gennaio 2008

La potenza dell'amore

Avviare il player


Arrivata una certa ora del pomeriggio mia madre mi
diceva: "cosa ci fai ancora a casa, vai a giocare con gli altri bambini
e comportati bene". Be' devo dire che il gioco del tutto
uguale a quello in foto, ma fatto in muri non cosi' tristi
mi diede parecchi grattacapi, infatti ero uno dei pochi
a non riuscire nell'impresa. Ma non era questo l'importante.
L'importante in quella bella infanzia, stava nel stare insieme e divertirsi.
Ripensando oggi le parole di mia madre; la frase mi suona pressapoco cosi:
"vai a conoscere altre persone e trattale con rispetto"
Questo è uno dei piu' importanti insegnamenti che abbia ricevuto.
Ovunque esista disprezzo,disistima, disdegno, biasimo, dispregio, odio razziale,
spesso una madre e un padre non hanno detto qualcosa di essenziale ai
loro figli.

mercoledì 2 gennaio 2008

Il primo post dell'anno

In questi giorni, passati tra baci abbracci e auguri...
pensavo a che scrivere nel primo post del nuovo anno.
Pensavo dovesse essere assolutamente
innovativo per me'; qualcosa che riuscisse a scuotere gli animi e fare riflettere. Esattamente in quel momento il mio computer si è spento, il monitor ha fatto da specchio e mi sono riflesso. Ma chi voglio prendere in giro? anche in questo anno scrivero' esattamente le stesse cose. Quindi quelle che mi passano per la mente.

"Se posso permettermi il lusso del termine, da un punto di vista ideologico sono sicuramente anarchico. Sono uno che pensa di essere abbastanza civile da riuscire a governarsi per conto proprio, [...]" (Fabrizio De André)